Mantieni la calma e vai avanti a Kingston



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Oggi a Kingston-upon-Thames, un quartiere esterno di Londra, ho girato un angolo e mi sono imbattuto in un furgone da lavoro con le porte posteriori aperte, rivelando lunghi fogli di compensato, scatole di chiodi e viti e una lunga scala a pioli d'argento.

Questi pannelli di legno non servivano per rattoppare le finestre che erano state sfondate durante i disordini, ma per proteggere le vetrine dei negozi che sono ancora al sicuro e intatte.

In linea con quello che è diventato una sorta di slogan in giro per Londra in questo momento, venivano presentati "per ogni evenienza". Un uomo con tatuaggi floreali intorno ai polsi e alle braccia ha aspettato un'interruzione nel traffico prima di portare il compensato, pannello per pannello, in un vicino grande magazzino. Presto, un altro uomo lo raggiunse e, a turno, misurarono le finestre, allinearono il compensato e si misero al lavoro.

"Ti dispiace?" Chiesi mentre sollevavo la fotocamera.

"Niente affatto", hanno detto Glen of Gilham e Gilham Glass Company.

Ho chiesto come le rivolte hanno influenzato i loro affari.

"Siamo stati fuori fino a mezzanotte e mezza ieri sera. Sicuramente ha gettato via il nostro carico di lavoro. Abbiamo i nostri normali lavori da svolgere, sai? Anche stasera saremo fuori. Speriamo solo che non sia di nuovo fino alle dodici.

Ma ", ha aggiunto," suppongo che non possiamo lamentarci ".

Chris, con i capelli grigi pettinati all'indietro e un metro a nastro sempre attaccato alla tasca laterale, è salito su una scala per iniziare a perforare mentre Glen ha stabilizzato ogni pannello dal basso e ha parlato con un agente di parcheggio di passaggio.

“Amico, dov'è la polizia? A che altro servono le mie tasse? " ha chiesto l'ufficiale di parcheggio.

"Lo stiamo facendo per ogni evenienza", rispose Glen.

Per ogni evenienza, davvero. Mercoledì era a metà pomeriggio ed erano passati quasi due giorni da quando lunedì sera si era verificata la peggiore delle rivolte. Ma dalle numerose finestre sbarrate intorno al centro della città, sembrava che i negozianti di Kingston fossero ancora riluttanti a suonare il tutto chiaro.

A differenza di molti dei principali punti critici delle rivolte di lunedì sera, la contea in cui risiede Kingston, Surrey, ha il PIL pro capite più alto del paese. Sono stato sorpreso di scoprire che venivano prese tali precauzioni, ma ciò che è stato ancora più sorprendente è stato di imbattersi in un'altra scena questo pomeriggio: un gruppo di tre adolescenti che trasportano non pipistrelli o oggetti saccheggiati, ma una videocamera e un treppiede.

Quando si sono sistemati sul marciapiede per intervistare i passanti, ho parlato con la loro mentore, Sarah, la donna che li accompagnava.

"Sono coinvolti con The Challenge, un programma per ragazzi di 16 anni incentrato sulla percezione dei giovani da parte delle persone. Scelgono il loro obiettivo, come la fotografia, i media o l'impresa commerciale, e hanno un partner comunitario che lavora con loro. Alla fine dell'estate, hanno la possibilità di mostrare i loro progetti alle loro famiglie.

Vengono anche con le proprie idee per la raccolta di fondi. Un team sta lavorando con Safe 'N' Sound Peckham contro le bande e la violenza. Poi vanno davanti a un pannello di tre draghi ", riferendosi a Dragons’ Den, un reality show britannico in cui gli imprenditori possono presentare le loro idee a investitori milionari.

Mentre le immagini delle rivolte ancora mi balenavano nella mente - scene di giovani della stessa età di quelli di The Challenge, che trasportavano televisori con schermo al plasma e borse piene di vestiti rubati - è stato sorprendente notare la differenza. Ho visto i tre adolescenti con Sarah intervistare persone di tutte le età, farsi un'idea dei disordini e prepararsi a svelare il loro progetto nei prossimi giorni.

Per questi adolescenti, non si trattava di precauzioni o preparativi. Invece, erano scesi in piazza e stavano attivamente riparando i danni causati alla reputazione dei giovani britannici lo scorso fine settimana.

Stai calmo e vai avanti è un'iconica frase britannica che risale alla seconda guerra mondiale, quando il governo inventò lo slogan come mezzo per sollevare il morale. Il classico design in bianco e rosso del suo poster è ora diventato parte della coscienza della nazione. Se le strade di Kingston fossero qualcosa da percorrere oggi, andare avanti è esattamente ciò che la gente intende fare.

Anche l'ultima cosa attaccata al compensato installato da Glen e Chris era un unico foglio di carta bianco:

Apri come al solito.


Guarda il video: COME RISOLVERE QUALSIASI PROBLEMA nofake


Commenti:

  1. Suidhne

    So cosa fare)))

  2. Nentres

    Concesso, un messaggio utile

  3. Meztilabar

    Credo che tu abbia sbagliato. Sono sicuro. Dobbiamo discutere. Scrivimi in PM, ti parla.

  4. Taunris

    bruciare

  5. Dagal

    Mi dispiace, questo ha interferito ... ma questo tema mi è molto vicino. Posso aiutare con la risposta.



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Aggiornamento sul terremoto di Haiti: lista delle donazioni

Articolo Successivo

Paul Theroux su "Ghost Train to the Eastern Star"