"Revolution First Friday" al Tahrir del Cairo



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Una grande protesta è in corso oggi in piazza Tahrir al Cairo - e in altre città in tutto l'Egitto - mentre gli egiziani scendono in piazza frustrati per il lento progresso delle loro rivendicazioni rivoluzionarie.

"Perché vuoi entrare nella piazza?" Il ragazzo al posto di blocco improvvisato all'ingresso di Tahrir è, beh, un bambino e sospetta che io abbia solo la mia patente di guida britannica come documento d'identità.
"Ehm, io lavoro laggiù", faccio un gesto vago attraverso la piazza.
"Dove?"
"Sai, tipo, lì."
"OK, aspetta qui." Comincia ad allontanarsi, ma viene distratto dall'arrivo di un ragazzo con in mano una mostruosa videocamera: segue una discussione sul fatto che possa prenderla. Poi arriva qualcuno che porta una sedia di legno su ogni spalla, le gambe sporgenti all'altezza degli occhi. Sono in ritardo per il lavoro e non posso essere disturbato a discutere il sorteggio, quindi scivola via per trovare un percorso diverso.

Oggi sono in programma grandi manifestazioni in tutto l'Egitto, variamente chiamate il Primo venerdì della Rivoluzione o il Venerdì della Persistenza. In poche parole, le persone sono frustrate dal fatto che sei mesi dopo la cacciata di Mubarak, siano stati compiuti pochi progressi concreti nel soddisfare le richieste della rivoluzione. Il blogger egiziano Zeinobia ha un post che riassume bene queste richieste.

Vari gruppi si sono fatti avanti a sostegno della manifestazione, tra cui il movimento giovanile del 6 aprile, la pagina Facebook "We are all Khaled Said", alcuni partiti politici e gruppi di lavoratori, i Fratelli Musulmani e i salafiti. A giudicare dal numero di persone che si riversano nella piazza prima delle 11 di questa mattina (la maggior parte delle persone si presenterà dopo le preghiere di mezzogiorno), sarà un grosso problema.

Nessun segno di presenza della polizia o dell'esercito. Si spera che tutto procederà senza intoppi e pacificamente.


Guarda il video: Egypt marks first anniversary of revolution


Articolo Precedente

Lotta o fuga? Gestione delle molestie sessuali in Sierra Leone

Articolo Successivo

Cosa c'è nel tuo zaino, Jenny Buccos?