Un giorno nella vita di un espatriato a Sydney, in Australia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sport dal vivo a colazione, comunità di bar e spazi verdi: tutto parte della giornata nella vita di Sydney.

Attualmente vengo dal Land Down Under e, abbastanza sicuro, spesso mi sembra che il mio programma giornaliero sia piuttosto capovolto. Ogni mattina esco sul balcone per prendere il sole e pizzicarmi; ci sono davvero 70 gradi e soleggiato quasi ogni giorno qui, anche in inverno.

Successivamente controllerò i risultati in tempo reale dei giochi sportivi americani. Sono un fan sfegatato di Boston, ma guarderò felicemente qualsiasi partita di baseball o di calcio in onda su uno dei 10 canali sportivi di questo paese follemente sportivo. Gli australiani preferiscono rugby, calcio, cricket, surf, nuoto, più rugby, bowling su prato e hockey su prato rispetto ai nostri passatempi nazionali, ma ci sono cinque partite di baseball garantite a settimana e quando sono fortunato almeno una presenterà il rosso Sox.

È sempre strano guardare una partita notturna dal vivo mentre mangio i miei cereali e mi stropiccio ancora la sabbia dagli occhi.

Verso le 11 mi dirigo al bar dall'altra parte della strada per scrivere e aggiornarmi sulle notizie. Ho viaggiato in Francia, Italia e Austria - luoghi che una volta consideravo le capitali mondiali del caffè - ma nessuno ha tenuto fede alla cultura pazza del caffè degli australiani. Negli Stati Uniti siamo portati a credere che la linea principale australiana Fosters, ma qui i caffè sono onnipresenti. Questo ha colpito a casa quando ho assistito a una partita di rugby e la fila per l'espresso si allungava più a lungo della coda della birra.

Ci sono cinque caffè a un minuto dalla nostra porta, ognuno brulicante di gente del posto desiderosa di sputare quattro dollari per una tazza di ricca caffeina. Gli australiani hanno i loro termini per il caffè; un “flat white” è un espresso stratificato con latte cotto a vapore e ricoperto di schiuma. È molto più ricco e vellutato del miglior latte che tu abbia mai avuto da Starbucks. Un "lungo nero" è un espresso con aggiunta di acqua, ma anche questo è più ricco (e molto più forte!) Del caffè americano, e ricoperto da un delicato strato di crema schiumosa.

L'unica cosa che manca ai caffè australiani è il vero caffè ghiacciato (come ogni bostoniano, io sono un drogato di Dunkin Donuts); qui è una confezione cremosa prefabbricata che è sormontata da una pallina di gelato alla vaniglia.

Oltre alla dose di caffeina e al Wi-Fi gratuito (un lusso in questo paese, dove le società Internet limitano i nostri download mensili), adoro il mio caffè locale per il suo senso di comunità. Ogni allegro membro dello staff mi saluta per nome: ci sono voluti due mesi per abituarsi alla tipica domanda australiana: "Come stai, Kate?" (mai "Come va" o "Come stai?) - e attendo con impazienza i nostri scambi quotidiani.

Sono felice di essere qui ma sento ancora i morsi della solitudine; questa costante quotidiana migliora decisamente la mia nostalgia. Soprattutto la frizzante manager / mamma surrogata che mi offre brownies freschi (gratis!) E famose torte di carne australiane.

Nel pomeriggio cerco di combinare le commissioni con le passeggiate in uno dei tanti spazi verdi di Sydney. Rushcutters Bay Park, Centennial Park, Hyde Park e gli incredibili Royal Botanic Gardens sono tutti raggiungibili a piedi, ma anche le strade strette sono fiancheggiate da alberi di eucalipto profumati e altri fiori. Ho ricevuto occhiate strane più di una volta per essermi fermato a una fermata dell'autobus o in un angolo anonimo per inalare una sacca d'aria particolarmente profumata; Vorrei poter spiegare alla gente la novità di questo dopo aver vissuto a New York.

Corro commissioni dal macellaio, dal panettiere e dai fruttivendoli indipendenti perché i supermercati qui portano prodotti limitati e scadenti rispetto alla carne fresca e ai prodotti per i quali l'Australia è nota (e di cui è piuttosto orgogliosa). Sono per lo più vegetariano ea volte mi chiedo se preferisco "avos" (avocado), "rocket" (Mesclun green), "ba-NAH-nuhs" e "capsicums" (peperoni verdi) semplicemente perché i loro nomi australiani sono così divertenti dire.

Mio marito si meraviglia del maiale e del manzo freschi qui che avrebbe bisogno di procurarsi da un costoso macellaio boutique a New York. E ovviamente gli piace la novità di grigliare carne di canguro (non preoccuparti, i canguri sono come i cervi negli Stati Uniti, sono comuni al punto da essere un fastidio per la strada).

Faccio commissioni nel pomeriggio perché quasi tutti i negozi chiudono alle 18:00 e molti non sono aperti nei fine settimana. Almeno il nostro supermercato locale rimane aperto fino a mezzanotte, il che è una fortuna dato che ho fatto molte corse a tarda notte per prendere cereali (un esorbitante $ 7 / scatola) o dolcetti al cioccolato che creano dipendenza come Tim Tams e Lamingtons. Sostengo che Tim Tams - due strati di biscotto al cioccolato maltato avvolti attorno a un ripieno di crema leggera, poi ricoperti di altro cioccolato - siano la più grande esportazione dell'Australia.

Al tramonto mi piace gustare un bicchiere di vino sul nostro balcone. Anche in questo caso, venendo da New York, lo spazio e l'aria fresca sono una gioia quotidiana per me. In particolare mi piace guardare e ascoltare la sorprendente varietà di uccelli che strisciano nel cielo rosa, anche qui nel centro della città.

Le grida di Cacatua sono come chiodi su una lavagna, ma ottengono un passaggio perché hanno un aspetto così dannatamente bello! Le gazze cinguettano, le mynas tubano stranamente come bambini e i lorichetti sembrano arcobaleni volanti. Non avrei mai pensato di diventare un tale appassionato di uccelli.

Ceniamo spesso in Victoria Street, da cui siamo fortunati a vivere dietro l'angolo. Gli abitanti di Sydney dicono che ha più ristoranti tailandesi per metro quadrato che in qualsiasi altra parte del mondo ... anche Bangkok. E infatti di solito prendo cibo tailandese circa tre volte a settimana. Quando siamo arrivati ​​qui per la prima volta ho provato un nuovo curry ogni giorno: chuu chee, massaman, jungle ... i sapori di kaffir lime e cocco danzano sulla mia lingua qui come non hanno mai fatto a New York.

Quando il tempo è bello ci piace fare barbecue sul balcone. Questo stereotipo non è falso, gli australiani AMANO le loro barbie. Ci sono supermercati barbecue, programmi televisivi barbecue, sezioni di accessori per barbecue al supermercato ... e con il bel tempo e un'abbondanza di carne e verdure di produzione locale, perché no? Siamo arrivati ​​qui stanchi newyorkesi, ma non ci è voluto molto per capire la facile affabilità ed esuberanza degli australiani. La vita qui è inevitabilmente buona.

Connessione alla comunità

Interessato a inviare la tua storia di espatriato? Invia a [email protected] con "Un giorno nella vita di un espatriato in ..." nella riga dell'oggetto.


Guarda il video: Primi giorni a SYDNEY, Australia!! Vlog


Commenti:

  1. Wanjala

    È straordinario, il messaggio molto utile

  2. Beamer

    Penso che questo sia già stato discusso

  3. Takeo

    È stata visitata da un pensiero semplicemente brillante

  4. Burdett

    Lascia che posso chiedere?

  5. Mezragore

    It is simply excellent idea



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Come contrattare la tua strada nel sud-est asiatico

Articolo Successivo

Le vere confessioni di un appassionato di lingue