Un giorno nella vita di un espatriato a Osaka, in Giappone



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

08:00

Un bellissimo sabato mattina ad Osaka. Cosa fare ... una gita di un giorno nella storica Kyoto? Un'escursione sulla ferrovia abbandonata a Hyogo? Se solo. Il sabato mattina in Giappone spesso significa lavoro, quindi mi allungo ancora una volta sul futon prima di iniziare la giornata.

08:30

La colazione è toast shokopan e un cartone di yogurt all'aloe. Per pranzo mi butto un paio di onigiri negitoro incartati - polpette di riso al tonno e scalogno - nella borsa.

9:00

Vado in bicicletta alla stazione ferroviaria Abikocho JR Hanwa e la incateno vicino a un ristorante, mai vicino alla stazione stessa, dove è preda della polizia ciclistica di Osaka. Alla stazione di Tennoji, passo alla Loop Line. A bordo ci sono obaa-chan in kimono e uomini salariati nei loro tradizionali abiti neri, camicie bianche e cravatte nere.

Superiamo gallerie commerciali, minimarket e case giapponesi grigie con il tetto di tegole che si incurvano come piume di uccelli arruffate. È autunno, quindi gli alberi in fiamme di foglie d'acero rosse punteggiano il paesaggio. In lontananza si profilano montagne blu e il Castello di Osaka dalle ali di airone.

10:00

Al lavoro. Come la maggior parte degli espatriati in Giappone, insegno inglese. Lavoro per una delle grandi catene di scuole di conversazione; indossiamo abiti e il cliente ha sempre ragione. Oggi sono in anticipo, non è necessario compilare un modulo di spiegazione del ritardo.

10:15

Cominciano le mie lezioni mattutine.

Chiedo ai bambini: "Come stai?"

"Cinque", rispondono.

"Quanti anni hai?" Chiedo.

"Bene."

Provo ad avviare un gioco. Miyabi si lamenta. Chio e Sara parlano ad alta voce. Yuki mi lancia un libro. Perdo la pazienza e li rimprovero in giapponese; un no-no alla mia azienda. Ho già detto che sono uno scrittore, non un insegnante? Il mio subconscio mi porta via al mio posto felice: l'onsen di Yudanaka che si affaccia sulle montagne di Nagano. Rocce. Petali che cadono sull'acqua ferma. Vapore. Beatitudine!

Questi ragazzi del sabato non hanno niente a che fare con quelli a cui insegno il resto della settimana. Quegli innamorati corrono a scuola gridando: "Dov'è Eba-sensei?" Amano imparare e io esco dalla classe sentendomi orgoglioso.

Insegnare in qualsiasi paese è il periodo migliore e il peggiore.

12:30

Pranzo. Non abbiamo pause per i pasti nella mia scuola, quindi il cibo deve essere mangiato nei dieci minuti di intervallo tra le lezioni, curvo su una scrivania condivisa. A pranzo, io e gli altri insegnanti raggiungiamo:

"Come va il karate?"

"Fantastico, come sta andando lo studio giapponese?"

"Sta arrivando. Anch'io ho iniziato a prendere lezioni di ikebana. "

"Bello!"

"... vorrei non dover insegnare. Lo faccio solo per il visto perché non sono mai stato così creativo come lo sono qui in Giappone ".

"Che cosa?"

"Niente."

13:00

Lezioni pomeridiane. Gli adulti mi chiedono se posso usare le bacchette; i bambini nascondono le mie flashcard.

16:05

Smettere di tempo. Prendo un pugno e mi dirigo verso un vicino chiosco di takoyaki. I Takoyaki - uno spuntino per eccellenza di Osaka - sono deliziose frittelle di polpo a forma di palla. Ho troppa fame per aspettare che si raffreddino e mi bruci subito la lingua sulla pastella cremosa ma vulcanica.

16:45

Sul treno verso casa, studio i verbi passivi giapponesi. Mentre studio, il mio keitai pulsa con i messaggi dei miei amici. È il compleanno di Jeff e tutti vogliono sapere quando ci incontriamo. Dico loro quello che mi ha detto Chisato, la ragazza di Jeff; ci vediamo alle 7:30 a Namba. Da lì, il solito: izakaya e karaoke.

17:15

La mia bici è ancora parcheggiata dove l'avevo lasciata - uff.

17:25.

Casa. Il mio ragazzo, Sean, sta guardando un programma di cucina in TV in cui le donne preparano il nabe, un tradizionale stufato al freddo. Affettano daikon e preparano il dashi mentre l'ospite guarda. Beve un sorso e sbatte le palpebre per la sua prelibatezza prima di gridare: "Umai !!!" Delizioso. Interruzione pubblicitaria: il "comico" Kojima Yoshio si esibisce nel suo Speedo per spaccare i cellulari dell'AU. Cambiamo canale.

19:45

Namba. Sono tutti qui: cinque ragazze giapponesi e otto espatriati con accenti da tutta la mappa del mondo di lingua inglese.

"Otanjoubi omedetou!" gridiamo al festeggiato. Mentre ci dirigiamo verso la cacofonia al neon di Dotombori street, passiamo davanti a vivaci salotti di pachinko e ragazzini otaku vestiti da goth Strawberry Shortcakes. Quando raggiungiamo il famoso granchio gigante Dotombori, vedo un Dachsund vestito da cheerleader. Qualche metro più avanti, un chihuahua vestito da marinaio.

20:30

Nell'izakaya pieno di fumo. Ordino vino di prugne, sashimi e diversi tipi di spiedini di yakitori alla brace tra cui roast beef e gustoso cuore di pollo. Se mi avessi chiesto due anni fa se avessi mai mangiato volontariamente carne di organi, avrei detto: "Come se". Chiedermelo oggi? "Passa la lingua."

21:30

Karaoke! Affittiamo una stanza privata per un'ora. Dentro, ordiniamo cocktail fruttati chuhai, birra e cantiamo "Happy Birthday" a Jeff. Tomoko canta qualcosa di Bump of Chicken, io scelgo Iruka vecchia scuola e Martin spacca Men at Work.

22:30

Oh, che diamine, facciamo due ore. Più chuhai, birra e J-pop.

23:30

In un bar solo in piedi per il conto alla rovescia per Last Train. Un tipico dilemma di Osaka: partire a mezzanotte o restare fuori fino alle 6 del mattino. Taxi? Non a 3500 yen per arrivare ad Abiko. Domani Sean ha il suo corso di calligrafia giapponese e vorrei finire di scrivere così decidiamo di fare l'ultimo treno. Ma prima, colpi. Brindiamo: otsukaresamadesu.

00:15

Fatto l'ultimo treno - yosh! È pieno di salariati dalla faccia rossa che si accasciano sui sedili.

Sarariman perché /

crolli sui sedili del treno? /

sei stanco o ubriaco? /

00:45

Di nuovo a casa. Controllo di Internet brillo. È mezzogiorno a casa a New York e i miei amici sono online.

"Vieni a casa", scrivono.

"Presto." Rispondo. Come di solito.


Guarda il video: 12 consigli PRATICI per un viaggio in Giappone!!


Commenti:

  1. Halton

    Lo prenderò a mio rischio)))

  2. Rice

    Lo stesso e così

  3. Tojalmaran

    Ed è efficace?

  4. Welborn

    Sono d'accordo, questo grande pensiero tornerà utile.



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Come contrattare la tua strada nel sud-est asiatico

Articolo Successivo

Le vere confessioni di un appassionato di lingue