Strane abitudini sviluppate dopo aver vissuto all'estero



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Foto: autore

Dopo essere tornata da due anni in Togo, Linda Golden trova il riadattamento alla vita negli Stati Uniti un po 'più strano di quanto si aspettasse.

All'inizio della nostra formazione Peace Corps, il coordinatore della formazione ha programmato una sessione sul riadattamento che avremmo dovuto affrontare tra due anni, quando saremo tornati negli Stati Uniti.

I miei colleghi tirocinanti e io eravamo stati in campagna forse quattro settimane, abbastanza a lungo da soffrire di disastri gastrointestinali, stancarci dei bagni di secchio e mangiare abbastanza pasta (una base di carboidrati simile a un impasto bianco solitamente a base di farina di mais e mangiata con salsa) per ispirare sogni di burritos e hamburger. Mentre ci preparavamo a parlare di riadattamento, ho sentito per caso altri due volontari in formazione deridere l'idea.

"Come se avessi davvero bisogno di riadattarmi a docce calde e aria condizionata."

Mi conosco. Dopo aver trascorso cinque mesi di studio all'estero in Svizzera, sono stato sopraffatto dalle dimensioni del magazzino del primo supermercato americano che ho visitato. Sapevo che avrei dovuto riadattarmi al ritorno dal Togo, ma immaginavo che sarebbe stato più ovvio: congelare in inverno, impazzire per i nuovi sviluppi tecnologici.

C'era qualcosa di simile. Ho avuto così freddo quest'inverno, ho iniziato a desiderare l'eruzione di calore che mi tormentava nella stagione calda del Togo. Ma i cambiamenti che noto di più sono strane piccole abitudini e reazioni bizzarre a piccoli eventi - cose che non avrei mai pensato o fatto se non avessi vissuto in Togo.

Sono solo i miei capelli / una roccia / una foglia

La mia casa nel villaggio ha protetto me e una serie di animali selvatici. Nella stagione delle piogge, le sessioni serali di lettura e scrittura si trasformavano in una situazione di stallo tra la forza di volontà e gli insetti volanti, ronzanti e saltellanti attratti dalla mia lampada a olio.

Un viaggio alla latrina di notte significava puntare la torcia davanti a me per evitare di calpestare i rospi o di farmi saltare addosso i rospi (non ho nulla contro i rospi, tranne quando saltano sopra o davanti a me nell'oscurità).

Ragni, topi o salamandre: qualcosa si stava allontanando per sempre quando ho aperto la porta della latrina per una visita di mezzanotte. Ora, ogni pelo che mi sfiora il braccio è uno scarabeo alato che mira ad aggrovigliarsi nella mia criniera.

Ogni sasso o grande foglia sul marciapiede al tramonto è un rospo che aspetta di sorprendermi entrando nel mio cammino all'ultimo minuto. La scorsa settimana, mentre preparavo un panino, il mio cuore si è fermato quando ho visto uno scarafaggio di due pollici correre sul sacchetto di lattuga. Faceva parte della confezione blu del formaggio che avevo appena aperto.

Quella spazzatura se ne va

In Togo, ho bruciato la mia spazzatura e sono stato attento a ciò che ho buttato via. Ho tenuto le batterie perché non sapevo cosa farne, ma ero sicuro che gettarle nel fuoco non era la risposta. Ho compostato i miei rifiuti alimentari. Ho salvato i fiammiferi e ho usato le estremità incombuste per accendere la mia lampada a olio dalla mia candela da lettura. Qualche mese fa, ho quasi rimproverato il mio ragazzo dopo aver messo una bomboletta spray nella spazzatura.

“Cosa sta pensando? Che esploderà! " Non appena l'ho pensato, mi sono ricordato: non bruceremo il contenuto del bidone della spazzatura. Scomparirà solo con il camion della spazzatura. Arrivederci, bottiglia Raid vuota.

Lascio ancora i fiammiferi mezzo bruciati sui ripiani della cucina.

Ma ci sono ancora insetti: quest'inverno ho preparato il tè e ho versato un po 'di zucchero sul pavimento. La mia reazione immediata è stata: "Puliscilo prima che lo prendano le formiche".

Viviamo in un appartamento al terzo piano. Era febbraio. Le formiche non stavano salendo le scale da sotto i due piedi di neve per portare via lo zucchero. Non riuscivo a vedere lo zucchero, quindi l'ho lasciato.

Tre mesi dopo, quando sono arrivate le formiche e hanno annesso l'uvetta che avevo acquistato il giorno prima, il mio ragazzo si è rifiutato di rilassarsi finché tutte le formiche non se ne fossero andate. Nel frattempo, ero felice di mangiare i miei cereali senza uva passa e di lasciare che le formiche andassero e venissero, immaginando che avremmo potuto affrontarle più tardi. Avevano già vinto ed ero in ritardo per lavorare.

Dopotutto, non sono letali (per la maggior parte) - sono stato in una sorta di antimalarico per due anni interi in Togo. Ho dormito sotto una rete da letto e mi sono insaponato di repellente per insetti quando non potevo.

Due settimane fa ho visto una zanzara in bagno. Ho subito pensato, "malaria", poi mi sono ricordato che questo non è un problema, e no, probabilmente non si trattava di deporre le uova di zanzara nel water. Tuttavia, quell'unica zanzara ha tirato fuori il ricordo della mia latrina nella stagione delle piogge, quando zanzare e mosche di scarico coprivano le pareti del mio bagno all'aperto.

Strane sensazioni d'acqua

Ho uno strano, nuovo rapporto con l'acqua, fonte di tanti e variegati disturbi (giardia, amebe, diarrea, verme d'India, schistosomiasi, dissenteria, colera, disidratazione), la maggior parte dei quali comporta molto tempo a passare vicino a un gabinetto.

Per evitarli, ho filtrato e sbiancato la mia acqua, lavato le mie verdure in acqua sbiancata e, occasionalmente, ho bollito l'acqua che ho usato per i bagni nel secchio. Portavo con me un Nalgene ovunque, bevendo quasi un litro d'acqua al giorno nella speranza di rimanere idratato.

Mi sono ancora disidratato, una volta al punto di svenire sotto il mio portico, ma ho evitato alcune delle complicazioni più sgradevoli e comuni dell'acqua come la giardia e le amebe.

Ma ora, vedo le foto di un me del liceo, che mi sciacquo le gambe in una pozzanghera grande quanto uno stagno dopo un incontro di sci di fondo particolarmente fangoso e penso: "Ottimo modo per ottenere schisto!"

Vado a trovare una famiglia a Richmond, in Virginia, e mi chiedo se l'acqua del rubinetto sia sicura da bere. Se non ho una bottiglia d'acqua con me, sono convinto che mi disidraterò. Penso di poter risolvere tutti i miei disturbi medici con acqua, Gatorade e ibuprofene.

In realtà, penso di poterli risolvere con i sali di reidratazione orale (ORS), una polvere salata aggiunta all'acqua che è fondamentalmente una versione più economica (se la compri all'estero) e disgustosa di Gatorade. Credo nel potere di ORS e, nonostante l'accessibilità e il gusto di Gatorade, vorrei aver portato ORS a casa.

Mi mancano lo street food e il finger food - Ogni settimana, cammino per il negozio di alimentari pensando: "Ho bisogno di comprare degli snack", ma non voglio mai pagare per barrette di cereali o Cheez-Its. A volte faccio il mio mix di tracce, ma non solo sono economico, sono pigro.

Voglio solo uscire dal mio appartamento e comprare una busta da quattro centesimi di noccioline mentre vado al lavoro. O un uovo sodo con un ditale avvolto nella plastica pieno di peperoncino in polvere per condirlo. O piselli dagli occhi neri venduti in un sacchetto di plastica nera. E poi voglio mangiare la mia merenda a mani nude. Non sempre, solo alcuni giorni. Fortunatamente, c'è un ristorante etiope in città dove va bene.

Queste abitudini e questi istinti sono rari (tranne pensare che ci sono insetti sopra o vicino a me. Ciò accade regolarmente). Nel peggiore dei casi, la gente penserà che sono strano per il nervosismo o solo sporco per non aver raccolto lo zucchero e le bacchette.

E anche se posso essere più strano di quanto non fossi nel 2007, mi sento più forte, un po 'invincibile. Ho pedalato per 400 miglia (stima approssimativa) in un paese tropicale - posso andare in bicicletta per le strade di Louisville, nel Kentucky.

In 27 mesi sono stato malato più di quanto non fossi stato in 10 anni. Basta passare l'ibuprofene (e gli antibiotici occasionali). Ho eliminato un'infestazione di piccoli ragni (di notte, alla luce di una lampada a olio e di una torcia elettrica, intendiamoci) e ho ucciso uno scorpione con una scarpa da corsa. Quando incontrerò il mio prossimo scarafaggio - o rospo sulla strada per il bagno, per quanto improbabile sia - saprò come prendermene cura.


Guarda il video: Trasferirsi allestero. Come decidersi per cambiare vita. IaraHeide


Articolo Precedente

Patrono del mio viaggio intorno al mondo

Articolo Successivo

Come battere la relazione di ritorno a casa blah