Come decidere se sei pronto per lavorare da remoto


All'inizio di quest'anno, io e mio marito abbiamo fatto il grande passo e abbiamo lasciato il Regno Unito per gestire le nostre attività in movimento.

Siamo partiti per trovare il nostro "mondo ideale".

Quello che abbiamo imparato lungo la strada è che non siamo ancora pronti per sistemarci. In effetti, il nostro "mondo ideale" sta nello spostarci da un posto all'altro, andare dove vogliamo e continuare a guadagnarci da vivere mentre andiamo.

Finché abbiamo una connessione Internet, ovviamente.

Se sogni ad occhi aperti di diventare un Location Independent Professional (LIP), ci sono alcune domande da considerare prima di fare il salto.

1. Puoi ancora guadagnarti da vivere se fai le valigie e ti allontani?

Questo è quello cruciale. Se la risposta è "no", allora è qualcosa su cui devi lavorare a meno che tu non sia contento di avere poche opzioni oltre a insegnare l'inglese, raccogliere l'uva o lavorare in un bar.

Una vita LIP è diversa: non è il solito stile di vita da "viaggiatore", ma uno stile di vita permanente per le persone che gestiscono attività professionali che può essere svolto da qualsiasi luogo.

Considera professioni di apprendimento come progettazione grafica, illustrazione, coaching, web design o qualsiasi altro servizio che possa essere fornito "virtualmente".

2. Quali legami hai a "casa"?

Pensa alla famiglia dipendente (genitori anziani, bambini piccoli o amici bisognosi), alla proprietà, alle attività e ai beni dipendenti dall'ubicazione. Anche se questi non sono rompicapo, dovrai pensare a lungo e intensamente a cosa fare con ciascuno di essi.

Vendete o affittate la vostra proprietà? Conserva o vendi i tuoi beni? La tua famiglia può cavarsela senza di te? Vuoi che lo facciano? Puoi vendere la tua attività esistente o trasformarla in una location indipendente?

Eventuali legami che hai dovrà essere adeguatamente affrontati prima di partire per la strada.

3. Dove vuoi andare?

Anche se di solito questa è la parte eccitante, devi assicurarti che le località scelte ti consentano di continuare a gestire la tua attività e sostenere te stesso.

I viaggi in località più esotiche possono sembrare allettanti nelle prime fasi, ma la mancanza di accesso a Internet o di infrastrutture può renderlo una sfida più grande precedentemente considerata.

L'ultima cosa che vuoi fare, dopo il passaggio alla mobilità è esaurire le entrate, distruggere il tuo potenziale di guadagno e tornare a casa.

4. Cosa stai cercando?

Inizialmente siamo partiti perché sapevamo che non volevamo stabilirci nella nostra "casa" nel Regno Unito. Ora stiamo cercando i pochi posti al mondo che si sentono come a casa - i posti in cui ti senti immediatamente a tuo agio, che ti danno energia e che ti eccitano.

Viaggiare senza scopo può essere fantastico, ma se gestisci un'attività allo stesso tempo, potresti scoprire che troppa incertezza e flusso avranno un effetto negativo a lungo termine.

5) Sei mentalmente pronto a vivere di una valigia ... in modo permanente?

I viaggiatori irriducibili stanno senza dubbio urlando "YEEEES!" ma seriamente, vivere la vita come una LABBRA significa non avere una vera "casa" a cui tornare.

Significa razionalizzare i tuoi beni in modo che non ti trascinino giù o ti costino la terra per immagazzinare e vivere una vita totalmente nomade.

Dal possedere un loft di 1.500 piedi quadrati con costosi mobili di design, tutti i nostri beni mondani ora si adattano a un magazzino di 45 piedi quadrati e una valigia da 90 litri.

È una bella sensazione di libertà, ma gli accaparratori attenti!

La vita di un professionista indipendente da una location può essere invidiabile ma non è una decisione da prendere alla leggera.

Se fai tutti i compiti, ti prendi cura dei tuoi "affari" prima di partire, allora il mondo è letteralmente la tua ostrica ... vai e divertiti!

Lea Woodward è un Business & Technology Coach e il creatore di LIPliving.com. Lea scrive anche regolarmente sul suo blog personale Success Rocks!


Guarda il video: COME TROVARE CLIENTI? FAI LE COSE CHE NON SCALANO


Articolo Precedente

Cattura il colore e la bellezza a Venezia

Articolo Successivo

Polpette di carne di cane e gallo: i 10 cibi asiatici più esotici