Guida all'osservazione delle stelle nell'emisfero australe



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ci sono un miliardo e uno di motivi per visitare l'altra metà del mondo. Mary Pfaffko ci insegna come godersi il cielo notturno laggiù.

Le diverse costellazioni

La luna, i pianeti e la maggior parte delle costellazioni, come quelle dello zodiaco, sono visibili in tutto il mondo. Tuttavia, le costellazioni che appaiono più vicine ai poli nord e sud sono visibili solo nell'emisfero corrispondente. Quelle costellazioni - chiamate costellazioni circumpolari - rimangono sopra l'orizzonte tutta la notte in orbita attorno al polo.

Ecco perché i settentrionali vedono il Grande carro tutta la notte, tutto l'anno mentre i meridionali non lo vedono mai. D'altra parte, solo i meridionali possono visualizzare il file Croce del Sud, l'iconica costellazione rappresentata sulle bandiere australiana e neozelandese.

Un'altra costellazione circumpolare meridionale è Vela. Vela ospita una stella di neutroni - la Vela Pulsar - che ruota 11 volte al secondo e il cui intenso campo magnetico emette segnali radio pulsanti udibili.

Costellazioni sempre più luminose

L'emisfero meridionale ha 11 costellazioni circumpolari, comprese sei stelle di magnitudine del primo ordine, mentre l'emisfero settentrionale ha solo cinque costellazioni circumpolari, nessuna delle quali ha stelle molto luminose.

Perché? Perché il Polo Sud si affaccia sul centro galattico della Via Lattea, fornendo una vista di miliardi di stelle. La costellazione più luminosa è la Croce del Sud e la costellazione con il maggior numero di stelle visibili è il Centauro.

Grappoli più belli

All'interno della Croce del Sud, il Portagioielli a grappolo mette in mostra stelle colorate che sembrano pietre preziose scintillanti nella notte. I colori provengono da una supergigante rossa tra supergiganti blu molto luminose e altre stelle dai colori brillanti, alcune delle quali hanno luminosità 80.000 volte quella del sole.

Accanto al Jewel Box c'è Omega Centauri, il secondo ammasso globulare più luminoso in entrambi gli emisferi e la più massiccia concentrazione di stelle in orbita attorno al centro della Via Lattea. Questo sciame di oltre due milioni di stelle sembra fantastico in un telescopio.

Nebulose più scure

Guardare la striscia bianca della Via Lattea attraverso il cielo è bello, ma guardare i buchi scuri all'interno della Via Lattea è ancora più bello. Poiché la Via Lattea è più luminosa nell'emisfero meridionale, le nebulose oscure al suo interno sono più pronunciate.

Situata tra le due stelle più luminose della Croce del Sud si trova la nebulosa più prominente della Via Lattea, la Nebulosa Sacco di Carbone. Se colleghi le nebulose all'interno della Via Lattea, puoi visualizzare il Emù nel cielo, che è la costellazione aborigena australiana più conosciuta.

Una nebulosa più luminosa, la Nebulosa Eta Carinae, ospita la stella più massiccia della galassia, Eta Carinae, che è una delle stelle più eccitanti perché è instabile e pensata per essere la prossima stella a morire in una supernova.

Sottosopra

Poiché gli emisferi sono capovolti l'uno dall'altro, il cielo notturno è visto da un punto di vista diverso. Costellazioni così familiari come Orion appaiono invertiti nell'emisfero meridionale

Lo stesso vale per la luna. Ancora meglio, nell'emisfero australe la luna si illumina da sinistra a destra nella fase crescente e si scurisce da sinistra a destra nella fase calante. Quindi una falce di luna che guarda a un nordico per diventare una luna nuova è in realtà sulla buona strada per essere piena.

Nubi di Magellano grandi e piccole

Queste nuvole sono probabilmente gli oggetti più sorprendenti nel cielo notturno in qualsiasi parte del mondo. Molti emisferi settentrionali le scambiano per nuvole ordinarie perché sono grandi, bianche e gonfie, fino a quando non si rendono conto di trovarsi nello stesso punto notte dopo notte.

Non sono affatto nuvole; sono galassie. E, guarda caso, sono uno accanto all'altro nel cielo. Non c'è bisogno di un telescopio: le galassie sono così vicine che sembrano molto più grandi di qualsiasi altra cosa visibile dalla Terra. La nuvola più grande è una vista gigantesca della quarta galassia più grande dell'universo.

Oltre alle costellazioni permanenti, l'emisfero meridionale ospita rari eventi astronomici, come le eclissi solari totali. Le eclissi solari totali sono visibili solo da una piccola percentuale della superficie terrestre e quindi richiedono viaggi in luoghi molto specifici. Il prossimo, nel novembre 2012, è visibile solo dall'Australia nordoccidentale.

Guardare il cielo diurno che si oscura e gli uccelli tacciono ha una bizzarra sensazione ultraterrena che, per gli appassionati di astronomia come me, merita di viaggiare per mezzo mondo.

COLLEGAMENTO COMUNITARIO

Ecco alcune parole di alcune delle persone che sono state là fuori: The Ultimate Spiritual Awakening: How Going to the Moon Changed the Astronauts.


Guarda il video: Telescopes of Tomorrow. Space Time


Articolo Precedente

Il legame che lega: abbiamo bisogno di alcol per connetterci sulla strada?

Articolo Successivo

6 cose da fare mentre aspetti di votare