Note su una foto che ho scattato ad Haiti



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Jared Krauss è tornato di recente da diverse settimane di volontariato ad Haiti. Quando il suo amico e la sua famiglia hanno chiesto "com'è stato?" ha trovato che la risposta migliore era questa foto.

QUESTA IMMAGINE incarna Haiti per me. Questo ragazzo aveva appena corso quasi un miglio per tenere il passo con il nostro furgone nel traffico stop and go che intasava le uscite di Port Au Prince.

Il furgone era diretto a ovest attraverso quello che potresti considerare un sobborgo, Muriani, non il miglior quartiere. Questo ragazzo era corso lungo il nostro autobus perché uno dei nostri gestori haitiani gli aveva dato un pacchetto di Pringles.

Immediatamente felice, il suo sorriso è stato il primo che ho visto ad Haiti. E si è rifiutato di lasciarlo andare. Ogni buffonata che poteva inventarci mentre stavamo ancora tenendo il passo con l'autobus che mostrava con orgoglio: pose sorprendenti di ogni stile, modellismo, salti, risate, agitando la sua unica banconota prontamente tirata fuori dalla tasca.

Questo ragazzo era felice e si stava godendo l'attenzione. Sono stato ipnotizzato da lui. C'erano più foto alla fine del mio viaggio di questo ragazzo single ed estatico di qualsiasi altro soggetto. Ma questa foto sopra è stata l'ultima che sono riuscito a riprendergli prima che il nostro furgone svoltasse e partisse.

Non appena fui a casa, tutti mi chiesero com'era Haiti. Ho risposto con un misto di adulazione, frustrazione, rabbia totale e confusione. Non avevo una vera risposta. Non ero in grado di evocare le parole necessarie per esprimere le mie esperienze.

Ma questo ragazzo era, è, il mio insegnante. Le ginocchia e le nocche impolverate. La gioia che irradiava dal suo viso. Tutt'intorno a lui, immondizia sparsa, haitiani ignari di ciò che li circonda e un soldato delle Nazioni Unite che tentava di dirigere il traffico, Kalashnikov in mano, e mi mostrava il suo sorriso bianco. Ha condiviso un momento di gioia, un rischio di felicità.

Connessione alla comunità

Per saperne di più sul retroscena del viaggio di Jared, leggi il progetto di volontariato per le vacanze di primavera ad Haiti dei membri Matador.

Per ulteriori prospettive dalle esperienze dei volontari, leggi le note di Segundo da un volontario medico.


Guarda il video: Haiti 1972. American TV Report


Articolo Precedente

Il legame che lega: abbiamo bisogno di alcol per connetterci sulla strada?

Articolo Successivo

6 cose da fare mentre aspetti di votare