Prostituzione Rocks! SuperFreakonomics sulla professione più antica del mondo



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Quando si tratta del ragionamento degli autori, è sorprendente perché tutte le donne non siano prostitute.

Sempre quelli a suscitando polemiche sulle nostre convinzioni di lunga data, Steven Levitt e Stephen Dubner hanno pubblicato un nuovo libro, SuperFreakonomics: Global Cooling, Patriotic Prostitutes, and Why Suicide Bombers Should Buy Insurance Life.

Oltre a sostenere che il mondo sta effettivamente sperimentando una tendenza al raffreddamento, che è stata sostenuta a caldo in tutta la rete, c'è anche un capitolo meno dibattuto sulla prostituzione.

In esso, Levitt e Dubner confrontano due donne - "ragazze squillo" se vuoi - che hanno portato due fasce di denaro molto diverse. Uno, "LaSheena", lavorava per le strade del South Side di Chicago e guadagnava circa 350 dollari a settimana; l'altra, "Allie", lavorava nel suo appartamento in un quartiere "chic" di Chicago e guadagnava la stessa cifra all'ora. Perché la differenza?

Ebbene, secondo un estratto dal libro:

[Allie] è il tipo di persona che vede qualcosa di buono in tutti e questo, secondo lei, ha contribuito al suo successo imprenditoriale. Le piacciono sinceramente gli uomini che vengono da lei, e quindi gli uomini amano Allie anche al di là del fatto che farà sesso con loro.

LaSheena, d'altra parte, non ama "trasformare i trucchi". Il suo ragionamento? "Perché non mi piacciono molto gli uomini. Immagino che mi dia fastidio mentalmente. "

Non è necessario leggere molto in questo estratto per vedere che Levitt e Dubner fanno della vita di Allie una sorta di personaggio di Cenerentola / Pretty Woman / Business Week (lei "rappresenta la moglie ideale: bella, attenta, intelligente, che ride alle tue battute e soddisfacendo la tua lussuria "), mentre LaSheena ha a malapena bisogno di una menzione, se non per aprire il pezzo per un valore di confronto.

Incolpare la vittima

Ma qualcosa di più profondo è all'opera qui, come nota Sady Doyle nel suo pezzo di confutazione, Prostitution, per divertimento e profitto.

Per prima cosa, "il fatto che Allie sia probabilmente bianca, e che LaSheena probabilmente non lo sia, non viene mai affrontato", insieme alla realtà che apprendiamo sul funzionamento interiore di Allie, mentre nessuna vera storia della vita di LaSheena è delineata.

LaSheena non aveva altra scelta che essere una prostituta? È stata picchiata da alcuni degli uomini con cui ha fatto sesso? Non sembra davvero avere importanza per gli autori.

La sensazione travolgente che emerge dalla pagina è che la povertà di LaSheena sia colpa di LaSheena.

Doyle aggiunge:

Ehi, ecco un pensiero interessante: forse LaSheena non ama gli uomini perché è intrappolata in un ciclo di povertà, e uno degli unici modi per lei di sopravvivere è fare sesso con gli uomini, che lo voglia o no. Forse è abbastanza per far sì che a LaSheena non piacciano gli uomini.

È interessante notare che, anche se Allie "amava il suo lavoro", ne uscì perché era stanca di nasconderlo alla sua famiglia e ai suoi amici e, cosa più importante, capì che "la sua merce era deperibile". Penso che quella dichiarazione abbia riportato le donne indietro di 200 anni.

Probabilmente il mio assoluto preferito parte di tutta questa dannata storia è la morale con cui Levitt e Dubner finiscono:

Quindi il vero puzzle non è perché qualcuno come Allie diventa una prostituta, ma piuttosto perché più donne non scelgono questa carriera. Devi amare abbastanza il sesso ed essere disposto a fare alcuni sacrifici, come non avere un marito (a meno che non sia molto comprensivo o molto avido).

Grazie, Levitt e Dubner, per le tue incredibili intuizioni sulla prostituzione e su cosa significa essere una donna.

Cosa ne pensate dell'opinione di Levitt e Dubner sulla prostituzione? Condividi i tuoi pensieri qui sotto.


Guarda il video: Steven Levitt on child carseats


Commenti:

  1. Daelan

    Ammetti l'errore. Esamineremo questo.

  2. Cyprian

    Ecco un bastoncino per albero di Natale

  3. Dugami

    Propongo di cercare un sito, con articoli sull'argomento che ti interessa.

  4. Kordell

    Mi congratulo, quali parole ..., il pensiero ammirevole

  5. Heikki

    Penso che abbia torto. Sono sicuro. Dobbiamo discutere. Scrivimi in PM, ti parla.



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Le donne mediorientali ridefiniscono la politica e lo spazio pubblico

Articolo Successivo

Prima di firmare il contratto TESL all'estero ...