Gonzo Traveler: Catching Jungle Fever nel delta dell'Orinoco



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un bambino Warao gioca nei coperchi della raccolta dell'acqua del governo.

Remando nel cuore del Venezuela, Robin Esrock scopre bellezza, insetti e un brutto caso di febbre della giungla.

La mattina era vicina per una settimana di avventura nella giungla nel cuore del Delta dell'Orinoco in Venezuela.

Partiremo alle 5 del mattino, imballando la luce in sacchi asciutti. La sistemazione consisterebbe in amache, pasti di base da campeggio o qualsiasi altra cosa che possiamo prendere.

Il secondo più grande sistema di drenaggio fluviale dopo l'Amazzonia, l'Orinoco ha una temperatura media di 27 ° C ed è costituito da 25.000 chilometri quadrati di ecosistema incontaminato e sottosviluppato, protetto, di proprietà e abitato dagli indigeni Warao.

Ma prima, dovremmo arrivarci, e nell'America Latina a sangue caldo, questa può diventare un'avventura a sé stante.

Tutto va bene correndo lungo l'autostrada, finché all'improvviso le auto davanti smettono di muoversi, il che non è mai un segno salutare per un'autostrada. Chris trascina il Land Cruiser nelle corsie in arrivo e si fa strada a passo costante nel traffico in arrivo, superando centinaia di auto di cancelleria sulla destra.

Ma poi, anche questa corsia si strozza. C'è una manifestazione più avanti, un villaggio ha bloccato la strada per protestare contro la mancanza di servizi civili.

Apparentemente, questo è abbastanza normale. Dato che l'auto non sta andando da nessuna parte, ora è il momento perfetto per entrare nel mondo del leader politico più controverso del continente, il presidente venezuelano schietto mai banale, Hugo Chavez.

Fuoco di sinistra

Hugo Chavez sul muro.

Potresti aver sentito parlare di Chavez. È il ragazzo che ha sventolato un libro di Noam Chomsky davanti alle Nazioni Unite e ha paragonato George W. Bush al Diavolo in persona.

È il miglior amico di Fidel Castro, un grande critico dell'egemonia statunitense, il raro incontro di un radicale di sinistra con le tasche così piene di petrolio che può mettere i suoi soldi dove è la sua bocca.

In tutto il paese, grandi cartelloni pubblicitari di Chavez ombreggiano le strade, graffiti e magliette che paragonano Chavez a Che Guevara, il simbolo per eccellenza del rivoluzionario radicale.

Con una delle riserve di petrolio più ricche del mondo, Chavez non dipende dagli affari statunitensi per far galleggiare il suo impero, e non ha paura di dirlo.

Con Morales dalla Bolivia e Lula in Brasile, è la scintilla dietro il fuoco nazionalista di sinistra che sta travolgendo l'America Latina, con grande orrore degli interessi economici statunitensi, che preferirebbero che tutti restassero a casa, guardassero Friends e comprassero un nuovo frullatore.

Invece, Hugo sta canalizzando enormi profitti petroliferi nel paese, il che spiega perché un litro di gas in Venezuela costa l'incredibile cifra di 5 centesimi, o 2,5 centesimi se si utilizzano i prezzi di mercato nero. Chris riempie il Land Cruiser da 50 litri e costa $ 3. Vai Hugo!

Guai in Paradiso

Tranne, aspetta, cos'è questo, Hugo chiude la più grande e popolare stazione televisiva indipendente del paese per aver criticato le sue politiche.

E ora vuole essere El Presidente a vita. Questi non sono i segni di un sano regime democratico, il che potrebbe spiegare perché intellettuali e studenti stanno protestando pacificamente a migliaia, ei media mondiali (con un piccolo aiuto dagli interessi economici degli Stati Uniti) stanno lentamente ma inesorabilmente dipingendo Chavez in un frutto e una noce bar oltre la data di scadenza.

Sta facendo incazzare le persone che stanno beneficiando dello status quo - un populista, una voce per le masse silenziose, non c'è da stupirsi che la piccola e ricca élite sia minacciata.

Un populista, una voce per le masse silenziose, non c'è da stupirsi che la piccola e ricca élite sia minacciata e la Chiesa è sconvolta dall'obiettivo di Chavez di dividere definitivamente la Chiesa e lo Stato in questo paese cattolico romano.

Sta facendo incazzare le persone che stanno beneficiando dello status quo, in cui milioni di persone vivono senza acqua corrente o elettricità, e dozzine di persone vengono uccise negli slum che confinano con Caracas ogni fine settimana.

Chris è sul recinto, ma ha sicuramente visto un miglioramento dalle politiche di Chavez sui villaggi locali intorno a lui. Quindi pochissime persone giuste entrano nel palcoscenico politico storico al momento giusto. Mandela, Ghandi, Churchill. La maggior parte arriva con buone intenzioni e se ne va gonfiata di conti bancari grassi.

Chavez - beh, dovremo aspettare e vedere cosa ne sarà di lui.

Nel frattempo, sembrava che ci fosse poco che potesse fare per portarci nella giungla, e il governatore locale non valeva una scoreggia in una confraternita da quando sua moglie lo aveva beccato a letto con la sua guardia del corpo maschile. Ah, America Latina.

L'auto che affonda

Potremmo provare a percorrere il vecchio percorso, ma con le forti piogge degli ultimi tempi, potrebbe essere un po 'rischioso. Voliamo lungo un sentiero crepato fino a quando non colpiamo un ponte, lavato in acqua marrone fangosa.

Bloccato sull'autostrada

Chris sposta l'Incrociatore in 4 × 4 e decide di rischiare. Hai mai sentito il rumore di un'auto che affonda? O hai visto l'acqua salire sopra le finestre?

Sta andando su di giri e noi stiamo urlando e Dio-Aiutaci se in qualche modo non troviamo il più piccolo pezzo di strada per la gomma da far aderire e l'auto balza in avanti per raggiungere l'altro lato.

Grida di vittoria! Batti il ​​cinque a tutto tondo! Nessun'altra macchina osa tentare questo tipo di follia. Le strade saranno sgombre per chilometri!

Quando. L'auto inizia a pulsare, il motore geme, l'iPod si spegne, la batteria si guasta e il Land Cruiser si ferma senza speranza. L'alternatore è stato allagato dall'attraversamento del ponte, siamo bloccati in mezzo al nulla, il sole di mezzogiorno ci batte forte sopra la testa.

Chiamiamo un pick-up e in pochi minuti hanno legato un pezzo di corda al nostro incrociatore e ci stanno trascinando, a circa due metri che separano le due auto.

Bene e bene, certo, tranne che questi ragazzi decidono di percorrere circa 120 km / h, sorpassando grandi camion su una stretta autostrada, e poi, oh, sì, e poi inizia a grandinare.

Morendo in autostrada

La paura non è saltare da una cascata. La paura non è nuotare nelle acque infestate dagli squali.

La paura viene trascinata a 120 km / h su una strada pericolosa in una tempesta tropicale accecante

La paura viene trascinata a 120 km / h su una strada pericolosa in una tempesta tropicale accecante, senza tergicristalli, quando un solo freno si tradurrà in un enorme posteriore e quasi certi danni a tutti gli occupanti all'interno.

C'era una buona ragione per stringere il mio sfintere perché Jungle Chris, il tipo di ragazzo che i ragazzi duri vogliono essere, aveva le nocche bianche sul volante e la paura degli animali negli occhi. Abbiamo guidato così per un'ora.

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era che morire su un'autostrada venezuelana sembrava in qualche modo al di sotto di me.

Ovviamente, le nuvole si sono separate con la stessa rapidità con cui hanno preso d'assalto, è spuntato un sole splendente, finalmente abbiamo avuto una visione dalla finestra anteriore, ei ragazzi davanti hanno deciso di portarci direttamente al ponte dove avremmo incontrato la nostra barca.

J.P sarebbe rimasto indietro per sistemare la macchina, caricare i kayak, il motoscafo e infine, questa volta dico sul serio, ci dirigeremo nel Delta.

Tre giorni dopo. Karl dell'Armata Rossa deve aver aggiustato le bevande, perché se non avessi visto le foto, non avrei creduto che ci fossimo tuffati in acque infestate da piranha al tramonto per nuotare con i delfini rosa.

Eppure è su nastro: noi in acqua, ea pochi metri di distanza, un raro delfino rosa balza in aria. I ricordi di quella notte al Lodge sono sfocati.

Febbre della giungla

Ho giocato con un tucan, un ara. Vedo una bandiera palestinese, ritagli di notizie sopra la sbarra che menzionano Hezbollah.

Nuotando con i pirhanas

Il lodge è di proprietà di due ragazzi palestinesi, e nella mia testa, ubriaco dal sole, dall'esposizione, il mio fegato che combatte le tossine dei morsi di ragno sulle mie punture di zanzara sulle mie punture di pulci di sabbia, preparo cospirazioni e febbri pazze di paranoia.

Un puma ruggisce da un recinto vicino, salvato dai fratelli. Pappagalli selvatici volano in alto, ricordo il rum forte della giungla, suonare il rock classico allo stereo, svenire nella cabina, la nostra unica notte di lusso.

C'è un buco nella rete sopra la maniglia della porta, qualcuno ha perforato la porta per entrare, le zanzare succhiasangue sono ovunque! Mi schiaffo il collo e ho i cadaveri di una dozzina di pulci di sabbia sulla mano. Un gigantesco tapiro nero corre lungo la passerella di legno.

Alzo lo sguardo in tempo per vedere la creatura delle dimensioni di una mucca che corre in corsa, inseguendo le ragazze nelle loro stanze, il sinistro clop-clop, clopity clop dei suoi zoccoli sul legno. Sogno febbrilmente bestie e calore, sudore e pericolo.

Siamo gli unici ospiti questa notte nel Lodge. Questa è una buona cosa.

Avevo la febbre della giungla e stavo male. Dormire su un'amaca richiede un po 'di tempo per abituarsi, e anche il repellente fatto in casa da Chris di olio per bambini, vitamina B12 e un pizzico di Deet non poteva competere con le orde, gli eserciti, l'invasione frontale completa degli insetti della giungla.

Ho contato 136 morsi sulla parte inferiore della gamba di Julia. Solo una gamba. L'umidità si attacca a te come il velcro e il nuoto non è troppo consigliabile poiché queste acque ospitano piranha mangiatori di uomini, affamati di dita delle mani e dei piedi umane.

Aggiungi il russare gigantesco del nostro direttore della fotografia Sean, la mancanza di sonno e, beh, hai la realizzazione di un'avventura indimenticabile, incredibile, ora-questo-è-il-vero-gonzo.

Into The Wild

Pagaiando nel Delta

Avevamo 150 km di fiume da attraversare, un motoscafo bimotore a tetto aperto, un paio di kayak, qualche giorno di cibo e, inestimabilmente, Gesù e Pina, due tranquilli ma bonari Warao che conoscevano questi labirinti affluenti modo in cui un autista di autobus conosce i suoi percorsi.

Inoltre, Chris guida qui spedizioni nella giungla da dieci anni, ha un'enorme esperienza con i Waraos, gli elementi, le sfide della vita all'interno del polmone verde del pianeta.

La bellezza incontaminata di questa regione selvaggia è sbalorditiva. In kayak, ma in motoscafo, l'acqua è uno specchio dei lussureggianti alberi tropicali che la sovrastano, il cielo grande quanto l'immaginazione di Dalì.

Gli Ara selvatici e i pappagalli volano innamorati in coppia sopra, mentre sugli alberi, cappuccino e scimmie urlatrici dondolano sulle viti. I raggi di acqua dolce fluttuano dolcemente come orbite nell'universo, il suono della giungla di notte diventa un ronzio di vita, eppure il 99% di esso è al di là della vista, dietro la cortina dell'oscurità.

E intrecciati sono il Popolo della Canoa, i Warao, una tribù che vive vicino al fiume in baracche dai muri aperti, adorando il loro albero della vita, la palma morichi, che fornisce cibo sotto forma di vermi giganti, frutti ed elisir.

Fisicamente somiglianti ai mongoli, parlano in tono sommesso, se mai, comunicando in quella che Chris crede sia "telepatia della giungla". I bambini imparano a fare kayak prima di poter camminare, le famiglie sono nomadi, si spostano tra le diverse parti della giungla.

È un bellissimo sogno, confuso nel concetto fuorviante del nobile selvaggio, al di là della portata della vita moderna. È un bellissimo sogno che si è svegliato.

Il vecchio incontra il moderno

Prima sono arrivati ​​i motori. 500 motori di barche dati al Warao in una sorta di manovra politica per i voti, con conseguente rapido cambiamento nel modo in cui si muovono, come interagiscono.

È un bellissimo sogno, confuso nel concetto fuorviante del nobile selvaggio, al di là della portata della vita moderna.

Poi sono arrivati ​​i villaggi, piccole case di cemento e generatori, il governo che riunisce i Warao in comunità che non sono mai esistite prima (e anche le condizioni sociali che derivano dalle comunità rurali povere).

Poi sono arrivate le antenne paraboliche e le televisioni, i lettori dvd per fare il napalm a un popolo ignaro con messaggi dell'occidente, senza dare loro gli strumenti sociali per capire che la pubblicità è tutta una cazzata e la televisione è televisione, non il mondo reale.

Poi è arrivato il movimento verso i paesi e le città, la disgregazione dei nuclei familiari. Poi sono arrivati ​​i turisti tedeschi, che hanno scattato foto dai loro motoscafi in un'altra mostra nello zoo umano.

Poi vennero i missionari a dire loro che migliaia di anni di tradizione sono tutti sbagliati e che tutti dovrebbero credere in un dio bianco barbuto che è morto su una croce.

Come le tribù indigene dell'Amazzonia, come le tribù indigene ovunque, queste persone gentili non hanno alcuna possibilità.

Ci dirigiamo nell'acqua salmastra, l'Acqua Nera, dove il sale del mare incontra l'acqua dolce. I canali si stanno restringendo, gli alberi più fitti e più scuri. La barca si trascina dolcemente, inviando appena un'increspatura nell'acqua, liscia come un granito levigato.

Un piccolo canale si rompe a destra e c'è un ragazzo mezzo nudo che pesca. È il tipo di foto che vedi nel National Geographic, una visione dell'umanità che è allo stesso tempo incredibilmente e spaventosamente diversa.

Mi chiedo quale speranza ci sia per i Warao, dove risiede il loro futuro.

Una piccola preghiera

Pranzo a cena.

Ci svegliamo l'ultima mattina in un piccolo accampamento di legno sull'acqua. Due ore in barca verso una piccola città dove saremmo stati accolti dal Land Cruiser.

La pioggia ha retto, risparmiandoci la tortura del forte acquazzone ad alta velocità che abbiamo vissuto qualche giorno fa.

Aspettando l'auto, cammino nel villaggio, case dipinte a colori vivaci, davanti a una chiesa missionaria. Questi ragazzi Warao "urbani" indossano croci, ma un ragazzo mi dice che è solo per la moda.

Un lungo viaggio di ritorno a Barcellona, ​​un breve volo per Caracas, soffocamento del traffico verso un hotel vicino, volo mattutino per Houston. La giungla è scomparsa, gli insetti, il fiume, i piranha, i Warao. Vedo persone in sovrappeso per la prima volta in una settimana.

“Il Dipartimento per la sicurezza interna ha dichiarato l'attuale livello di minaccia terroristica come: ARANCIONE. Fai attenzione a ciò che ti circonda e agli altri passeggeri. "

Mi siedo, chiudo gli occhi. Immagina la spiaggia rossa di Playa Colorado, i delfini e le cascate, i canali d'acqua nell'Orinoco, i piranha e i tapiri, gli sguardi dolci del Warao.

Li apro per vedere una fila ordinata per l'aereo di ritorno e dico una piccola preghiera.


Guarda il video: Río Orinoco


Commenti:

  1. Fauk

    Questo è il punto.

  2. Raedclyf

    Mi sembra, ciò che è già stato discusso, usa la ricerca in un forum.

  3. Zifa

    Congratulazioni, idea brillante e in modo tempestivo

  4. Kedrick

    Scusa per questo interferisco ... da me una situazione simile. Invito alla discussione.

  5. Damis

    Siamo spiacenti, vorrei proporre un'altra soluzione.

  6. Fenrira

    Secondo me, stai facendo un errore. Discutiamone. Inviami un'e -mail a PM, parleremo.

  7. Goltikinos

    Argomento notevole

  8. Edwardson

    Mi congratulo, quali parole necessarie ...

  9. Tugal

    Mi dispiace, che ti interrompa, vorrei offrire altra decisione.

  10. Arthw

    Hai colpito il segno. In esso qualcosa è ed è una buona idea. È pronto a supportarti.



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Vinci un paio di scarpe KEEN e altro ancora

Articolo Successivo

Note su dieci passeggiate / due discorsi