5 Pensatori (occidentali) che hanno capito il viaggio interiore



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La storia della filosofia mi è sempre sembrata una grande grande guida per i viaggiatori.

Omero

All'interno dei suoi misteri criptici e nelle riflessioni astruse si trova lo stesso spirito rapace per il viaggio che esiste in ogni esploratore esperto.

Che tu stia guardando dentro o fuori, l'obiettivo è sempre psicologico: aprire la mente e sfidare i vecchi modi di pensare.

Quello che segue è un elenco di 5 grandi pensatori che hanno alimentato in me una feroce curiosità per il mondo, un'euforia per nuove esperienze e i mezzi per allargare continuamente i confini personali; lo spirito del viaggiatore!

1. Homer

Qualsiasi elenco come questo deve iniziare con l'Odissea di Omero (così come ogni studio della filosofia occidentale).

Nessun lavoro letterario incarna meglio come un viaggio epico possa essere una potente metafora del viaggio interiore. Se i suoi versi eloquenti non ispirano la voglia di viaggiare in te, niente lo farà.

Ogni volta che ho letto L'Odissea, sono stato sopraffatto dal desiderio che tutti i miei viaggi fossero epici e che mi cambiassero la vita. Se lo porti con te e lo leggi spesso, la sua influenza positiva potrebbe anche lasciare il tuo diario di viaggio misteriosamente scritto in esametro dattilico.

Michel de Montaigne

2. Michel de Montaigne

Montaigne è stato occasionalmente salutato come "il primo turista". Naturalmente, il suo diario di viaggio è un fulgido esempio del motivo per cui è famoso per aver reso popolare il saggio come genere letterario.

Quindi, Montaigne è più di un semplice pensatore che ha capito il viaggio interiore; è un pensatore che ha ispirato anche la scrittura di viaggi interiori.

Se stai girando per l'Europa, potresti essere interessato alle sue varie riflessioni sulle differenze regionali in tutto il continente.

David Hume

3. David Hume

David Hume era un filosofo scozzese che ha avuto una grande influenza su di me da giovane. Era un empirista, il che significa che credeva che se la conoscenza arriverà da qualsiasi luogo, dovrà provenire da ciò che i tuoi sensi ti dicono del mondo.

Ma ciò che rendeva Hume unico tra gli empiristi del suo tempo era il suo scetticismo. Ha sostenuto che la nostra comprensione del mondo non è generata dal ragionamento, ma piuttosto da una certa abitudine mentale, o più dalla praticità di una situazione.

Fondamentalmente, questo ha reso Hume un anti-dogmatico e ha insegnato che dobbiamo costantemente sfidare le nostre stesse supposizioni.

Il suo consiglio al viaggiatore sarebbe stato quello di essere sempre aperto a nuove esperienze e di non mettersi troppo a proprio agio in una prospettiva limitata.

Edmund Husserl

4. Edmund Husserl

Conosciuto come il padre della fenomenologia, nessuno esemplifica l'idea che l'esperienza sia la fonte di tutta la conoscenza meglio di Husserl.

Quindi, per Husserl, comprendere il viaggio interiore sarebbe stato più che importante, ma fondamentale.

La fenomenologia consiste nell'identificare come vengono percepite le caratteristiche degli oggetti, come potrebbe dirti chiunque abbia sperimentato uno shock culturale: è un processo profondo e sconvolgente.

La scrittura di Husserl può sembrare una lettura pesante sulla strada, ma se riesci a analizzarla, ci sono poche visioni del mondo che dichiarano in modo più vivido che tutti i nostri viaggi esteriori iniziano e finiscono dall'interno.

Jean-Paul Sartre

5. Jean-Paul Sartre

Quando molte persone pensano all'esistenzialismo, immaginano parigini vestiti di nero che sorseggiano caffè e fumano sigarette, chiedendosi se le loro vite abbiano un significato.

Ma leggere Sartre ti curerà rapidamente da questo malinteso.

Piuttosto, i principi del pensiero di Sartre autorizzano l'individuo a forgiare nella fucina della propria anima il significato della propria vita. L'esistenzialista, come il viaggiatore, è fondamentalmente ossessionato dal vivere una vita autentica. E questo significa sfidare costantemente te stesso a fare le cose in modo diverso.

Per Sartre l'individuo è fondamentalmente, metafisicamente aperto a nuove esperienze.

Per me, niente esalta e rafforza l'atteggiamento del viaggiatore meglio dell'atteggiamento esistenziale.

Quali altri pensatori occidentali incarnano il viaggio interiore? Condividi i tuoi pensieri nei commenti!


Guarda il video: 8 PENSATORI che ti APRIRANNO la MENTE


Commenti:

  1. Togal

    Ti consiglio di provare a guardare in Google.com

  2. Tobie

    Hai torto. Mi sono assicurato. Posso dimostrarlo.

  3. Lazzaro

    Mi dispiace, ma secondo me, hai torto. Sono sicuro. Cerchiamo di discuterne.

  4. Zululabar

    l'idea Notevole e tempestiva

  5. Zubar

    Orrore



Scrivi un messaggio


Articolo Precedente

Wunderland Kalkar: centrale nucleare trasformata in parco divertimenti

Articolo Successivo

Cinque consigli per iniziare gli agricoltori biologici