Gonzo Traveller: sopravvivere alle rivolte del manzo in Corea del Sud


Robin Esrock riferisce dalle strade della Corea del Sud, testimone di una democrazia arrabbiata in azione.

La folla si raduna / Foto Robin Esrock

L'ironia del guardare perché una bisteccheria al culmine di una protesta per la carne bovina non mi è sfuggita.

I cittadini della Corea del Sud erano in forze, esprimendo il loro malcontento per la decisione del loro governo di consentire l'importazione di carne bovina statunitense nel paese, dopo essere stata bandita per paura di importare insieme il morbo della mucca pazza.

Se le mucche venissero infettate nei campi degli Stati Uniti, puoi scommettere che gli americani cadrebbero come le mosche banchettando con i loro cadaveri.

Migliaia di persone per strada, polizia antisommossa, idranti, blocchi: puoi anche scommettere che questo è un problema più complesso dei bovini che impazziscono. E avevo un posto vicino al finestrino, dato che l'azione si svolgeva sotto la finestra del mio hotel al Somerset Palace nel centro di Seoul.

Una roccia manca per un soffio la testa del mio cameraman Sean, sbattendo contro l'autobus blindato della polizia che barricando la strada per il municipio. In strada, mi sta incoraggiando ad avvicinarmi alle telecamere della BBC / CNN, che sono assalite in prima linea attorno a un importante portavoce dei manifestanti.

I "chicken bus" della polizia, come li chiamano i locali, sono coperti di uova, vernice spray, adesivi e il malcontento generale delle masse.

Una vera rivolta

Una roccia manca per un soffio la testa del mio cameraman Sean, sbattendo contro l'autobus blindato della polizia che barricando la strada per il municipio.

Stimo che stasera ci siano più di 50.000 persone che protestano, dopo che il governo ha dichiarato che avrebbe effettivamente deciso di revocare il divieto di carne bovina statunitense.

Una lunga fila di persone forma una catena per portare i sacchi di sabbia davanti, creando un ponte improvvisato per attraversare gli autobus fino alle migliaia di poliziotti antisommossa armati che aspettano dall'altra parte.

Un cannone ad acqua si alza minaccioso, un paio di giovani lo inseguono tra le masse, ma i sacchi di sabbia continuano ad arrivare. Qualche sasso viene scagliato, ma oltre a una misteriosa voce femminile che dice a tutti di "andare a casa", i poliziotti sembrano contenti di aspettare che finisca.

Fortunatamente, i gas lacrimogeni sono vietati in Corea del Sud. I membri della stampa indossano elmetti e indumenti protettivi, tranne per il fatto che i membri di Word Travels, che vergognosamente si stanno semplicemente godendo l'emozione di essere vicini alla loro prima grande rivolta urbana.

Devo ammettere che cose come questa possono diventare pericolose molto rapidamente, ma c'era un ronzio che faceva parte della democrazia in azione. Inoltre, i manifestanti erano per lo più calmi, anche se un po 'arrabbiati.

Se questa fosse la Cina, o gli Stati Uniti, i proiettili di gomma volerebbero e, credimi, mi godrei la vista dalla Jacuzzi sul tetto del Somerset. Il pericolo sulla strada è un giudizio, e tutti abbiamo giustamente giudicato di non essere in pericolo.

Altro sui soldi

I media di lavoro / Foto Robin Esrock

Nel frattempo le parole e l'acqua che sgorgava per strada indicavano che c'era più azione a un isolato di distanza, e qui, in uno stretto vicolo, un cannone robotico ad acqua stava spruzzando una massa di manifestanti determinati.

Un getto d'acqua scorre sui miei sandali e nell'aria c'è un odore pepato, forse perché l'acqua è intrisa di una sostanza irritante.

Dopo aver inzuppato i fedeli in prima fila, il cannone si ferma e una grossa fune viene raccolta e tirata in un tiro alla fune per ribaltare gli autobus. Ho afferrato la corda dura per capire quali fossero le possibilità, e poiché gli autobus erano senza dubbio ancorati dall'altra parte, le possibilità erano scarse.

Strappare le grate e le assi di legno dagli autobus dei polli era un compito più facile, e dentro potevo distinguere le ombre della polizia antisommossa, senza dubbio cagando un tortino di manzo per paura che la cosa si ribaltasse davvero.

Una ragazza accanto a me mi dice che sta studiando in North Carolina ed è volata a casa appositamente per prendere parte alle proteste. "Non posso credere che questo stia accadendo nel mio paese", dice, sgomenta, mentre il canto prende una nuova marcia e il cannone ad acqua rinnova il suo proiettile tra la folla.

Incolpa il governo per non aver ascoltato la gente, ma poiché la Corea è il terzo importatore di carne bovina d'America, immagino che sia meno per le persone e più per i soldi.

Tempi interessanti

Si sta facendo tardi, quindi decidiamo di tornare in albergo, che si trova dietro la barricata. La polizia antisommossa ci ha lasciato passare una piccola fessura (oh, le cose che puoi farla franca essendo un turista!) E torniamo all'hotel attraverso le strade buie e stranamente silenziose.

Vediamo i volti ansiosi del giovane poliziotto, occhi innocenti come vitelli al massacro.

Vediamo i volti ansiosi del giovane poliziotto, occhi innocenti come vitelli al massacro.

La coscrizione obbligatoria della Corea del Sud ha tutti gli uomini che prestano servizio nell'esercito o nelle forze di polizia. È molto probabile che questi ragazzi abbiano amici dall'altra parte della barricata, fidanzate, famiglia.

Se non fossero nelle forze di polizia, potrebbero esserci anche loro. Invece, si siedono sugli scudi, fila dopo fila, cinque poliziotti in profondità. Camminiamo senza ostacoli, fermandoci anche a giocare con un po 'dell'attrezzatura antisommossa.

Possiamo sentire i canti lividi dei manifestanti dall'altra parte degli autobus. È una delle scene più surreali e tese che ho visto durante i miei viaggi.

E si tratta di carne, e da dove viene, mentre a poche centinaia di chilometri di distanza, i nordcoreani stanno morendo di carestia.

Come tutti noi, i coreani vivono in tempi interessanti.


Guarda il video: Gli ERRORI degli ITALIANI IN COREA DEL SUD


Articolo Precedente

A Taste Of The Anarchist’s Cookbook

Articolo Successivo

Rappresenti il ​​tuo paese quando viaggi?